Razzismo, sessismo e frustrazione giovanile quarant’anni dopo Tony Manero

Una pellicola di successo senza precedenti diventata ormai un cult cinematografico, un’icona dei giovani di periferia di tutto il mondo che cercavano una forma di riscatto alle loro esistenze borderline. Perché se fu
vero che La febbre del sabato sera fu un film di musica e ballo, i protagonisti assoluti furono i ragazzi che vivevano ai margini delle grandi città, vittime invisibili di gravi discriminazioni sociali. Nonostante i 4 decenni che ci separano dall’uscita del film che ha colpito l’immaginario collettivo di un’intera generazione, i problemi esistenziali dei giovani della Brooklyn degli anni ’70 sembrano sorprendentemente attuali e persino familiari alla generazione 2.0.

Continua a leggere>>>

La quarantena degli invisibili

Un numero di pazienti pari al 21,3% della popolazione italiana ha dovuto fare i conti con l’assenza di misure adeguate per rispondere alle necessità basilari, vedendosi spesso negate cure indispensabili per la loro salute. Nonostante un esercito di medici straordinari impegnati in prima linea per salvare vite umane, l’urgenza sanitaria ha condannato all’invisibilità le persone in condizioni di disabilità e con patologie invalidanti per le quali non c’è stato spazio né tempo.

Continua a leggere>>>

Emanuele, la sindrome di Asperger ed io

L’Asperger che non conoscevo ha cancellato Emanuele e mi ha consegnato un’altra persona. Un po’ come avviene in certi film di fantascienza, quando le persone vengono sostituite: una sorta di scambio di persona e di personalità. Trent’anni di vita insieme azzerati. Trent’anni di ricordi, di risate, di  giochi, di segreti. L’infanzia, l’adolescenza, i primi amori e le prime delusioni. Tutto perduto. Sparito. Un reset cerebrale.

Continua a leggere>>>

L’amore ai tempi del Coronavirus

Tra figli piccoli che scorazzano per casa, adolescenti insofferenti e con gli ormoni a palla, partner intolleranti e intollerabili, a volte anche violenti, anziani da proteggere o da tenere d’occhio in lontananza, spesa da fare rispettando le regole e sopportando file estenuanti e clienti scorretti e capricciosi, a cui si va ad aggiungere un lavoro da mantenere (sempre che non si sia chiusa bottega), ci saranno buone probabilità che, passata la burrasca, ci ritroveremo i tribunali intasati di richieste di divorzio.

Continua a leggere>>>

L’inclusione sociale nell’era dell’impact investment

Riforma delle pensioni, reddito di cittadinanza, carta REI, flat tax. Sono numerosi e diversificati per utenza gli interventi pubblici a favore del tema più dibattuto in questi ultimi mesi in Italia: promuovere l’inclusione sociale garantendo i beni e i servizi essenziali ai cittadini, sostenendo le condizioni di accesso al mercato del lavoro e favorendo lo sviluppo di una cultura imprenditoriale.

Continua a leggere>>>

I lividi invisibili della violenza psicologica

La violenza non è sempre visibile e non avviene soltanto tra le mura domestiche. Esiste una violenza psichica molto più insidiosa di quella fisica, non facilmente identificabile e ancor più difficile da dimostrare: una sorta di stalking, bullismo e mobbing in un unico e crudele meccanismo di sopraffazione che non lascia lividi sulla pelle ma che conduce alla malattia e spesso alla morte.

Continua a leggere>>>