La menopausa non è una malattia

La menopausa non è una malattia

La menopausa è un cambiamento fisiologico naturale che ogni donna deve attraversare durante la sua vita, un passaggio obbligato con cui fare i conti, che incide in modo significativo sull’esistenza femminile.

L’arrivo della menopausa segna la fine del periodo fertile della donna, il termine della produzione degli ovuli contenuti nelle ovaie che, dalla pubertà in poi, da quando cioè ha inizio il ciclo mestruale, vengono rilasciati mensilmente. Questa importante modificazione dei processi riproduttivi avviene in modo discontinuo comportando numerosi disturbi all’organismo a causa della cessata produzione di estrogeni.  Avviene di solito tra i 45 e i 55 anni di età, ma il periodo varia da soggetto a soggetto.

Il corpo che cambia

Se da una parte c’è una gran percentuale di donne che vive la menopausa senza alcun disturbo e in totale serenità, dall’altra esistono molte testimonianze di chi vive con difficoltà questo cambiamento improvviso del corpo fisico. Sono molteplici infatti le conseguenze della carenza improvvisa di estrogeni e progesterone nel nostro organismo, dall’aumento di peso localizzato sull’addome per via del rallentamento del metabolismo, a fenomeni di irritabilità e bruschi cambiamenti dell’umore, alle vampate di calore causate dall’alterazione del sistema di termoregolazione del corpo all’abbassamento della libido.

Disturbi tangibili a cui si sommano il rischio di malattie cardiovascolari – tra cui infarto cardiaco, ictus cerebrale, ipertensione, che rappresentano una delle cause di mortalità delle donne in menopausa, – ma anche di patologie collegate alla osteoporosi, oltre ai disagi che colpiscono la sfera psicologica della donna.

Cosa fare in menopausa

menopausa maturità

Il primo passo da fare è quello di seguire un regime dietetico controllato per scongiurare un aumento significativo di peso difficile da debellare.

Via libera a frutta e verdura, pesce e carni bianche, cereali e prodotti a base di farine integrali che apportano la giusta quantità di fibre, mettendo al bando prodotti industriali, farine lavorate, junk food, fritti, grassi e cibi con alto contenuto di sodio, come insaccati di origine animale. Raccomandiamo di dedicare tempo ad un’attività fisica moderata, possibilmente all’aria aperta, per accelerare il metabolismo. Basta una passeggiata quotidiana di mezz’ora al giorno, per stimolare le normali funzioni dell’organismo.

Di fondamentale importanza la somministrazione di Vitamina D nelle dosi stabilite da un medico di fiducia.

Terapie ormonali sostitutive

In questa fase delicata dell’universo femminile vengono prescritte terapie a base di estrogeni e progesterone, quindi terapie ormonali sostitutive che aiutano ad alleviare notevolmente i sintomi, ma che spesso restituiscono numerosi e spiacevoli effetti collaterali come nausea, ipertensione e problemi all’apparato osteoarticolare e, in rari casi, significativi casi di carcinoma all’utero ed alla mammella.

Sarà una visita specialistica a stabilire e definire la terapia ormonale più adatta alle esigenze della persona. Nel frattempo è utile dedicarsi ad attività nuove e stimolanti. La menopausa va accettata con tutte le sue criticità e può essere l’occasione per migliorarsi e crescere a livello personale. Non è un attacco alla femminilità, e neppure l’anticamera della vecchiaia, è piuttosto una fase della piena maturità della donna in cui vivere una sessualità più consapevole e finalmente in libertà, una seconda opportunità di vita con cui costruire serenamente un nuovo futuro.

F.D.

<script data-ad-client="ca-pub-6807652416372941" async src="https://pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js"></script>

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *